L'atmosfera

Informazioni sul Sole, sui pianeti del Sistema  Solare e le stelle. I pianeti e l'Universo

L'ATMOSFERA È IN TUTTI I PIANETI


L'atmosfera del nostro pianeta Terra. L'atmosfera è presente in tutti i pianeti del sistema solare.

L'ATMOSFERA DEL PIANETA TERRA

La ionosfera

L'atmosfera del pianeta TerraDal limite superiore della stratosfera fino a circa 80 km di quota, si stende la mesosfera, uno strato nel quale l'aria si raffredda di nuovo da circa 0° fino a -100°. Oltre la mesosfera si estende, fino allo spazio interplanetario, la regione chiamata "ionosfera". Il nome si deve al fatto che gli atomi di ossigeno e azoto di cui l'aria è formata, colpiti dalla radiazione solare, si scindono in ioni positivi e un elettrone.
La distanza tra queste particelle cariche è troppo grande perché esse possano riavvicinarsi e ricombinarsi. Cosi, la ionosfera rimane ionizzata. Sono gli strati di ioni (indicati nella colonna) che riflettono le onde radio con diversa efficacia a seconda delle ore del giorno e delle stagioni, rendendo possibili i collegamenti radio intercontinentali. Mentre il regno delle nuvole è la troposfera, la stratosfera è il regno dei fenomeni di interazione col cosmo.
Tra i 200 e i 100 km di quota, infatti, si infiammano le meteoriti; tra i 400 e i 900 km si vede la luminescenza eccitata dalle particelle emanate dal Sole che forma le aurore polari.
È nella ionosfera che scendono i raggi cosmici primari, cioè quelli formati dalle particelle che si sono avvicinate al pianeta Terra provenendo dal Cosmo. Più in basso, essi hanno urtato nuclei di atomi atmosferici, hanno dato luogo a reazioni nucleari e così noi riceviamo, in basso, i prodotti di queste reazioni: i raggi cosmici secondari.
Al di sopra dei mille chilometri, la ionosfera sfuma nel vuoto interplanetario venendo a contatto col vento solare, cioè il soffio continuo di particelle ionizzate provenienti dal Sole.
La temperatura della ionosfera sfiora molte centinaia di gradi, ma la sua grande rarefazione permette ai corpi che la attraversano di mantenersi freddi.

La stratosfera

La stratosfera si stende sopra la troposfera, fino a circa 60 km di quota. In essa manca il vapor d'acqua e la temperatura risaie da -55° fino a circa 0°. Questa "inversione" di temperatura ferma la salita delle correnti verticali della troposfera, consentendo risolamento della stratosfera.
Attorno alla quota di 25 km si trova uno strato in cui l'ossigeno dell'atmosfera è abbastanza denso per assorbire la radiazione ultravioletta del Sole e formare molecole di ozono (che è l'ossigeno triatomico).
L'ozono è velenoso e sarebbe dannoso per la respirazione, ma non scende al suolo.
La sua funzione è quella di assorbire completamente l'abbondantissima radiazione ultravioletta del Sole, che così non raggiunge il suolo, dove sterflizzerebbe ogni forma di vita: lo strato dì ozono o "ozonosfera" è dunque una difesa per la "biosfera", cioè lo strato più basso della troposfera nel quale sono distribuiti gli organismi viventi.

La troposfera

È lo strato che, dal suolo, si spinge sino a una quota compresa tra 3 e 12 km alle latitudini temperate. Nelle tropicali, la troposfera sale fino a 17 km mentre, sopra i Poli, raggiunge appena i 3 km. In questo strato più basso dell'atmosfera, l'aria si muove sia in senso orizzontale, formando venti, sia in senso verticale. Questo fenomeno causa il rimescolamento dell'aria, ed è per questo motivo che lo strato viene detto troposfera, cioè "zona dei rivolgimenti".
I movimenti verticali dell'aria provocano la formazione delle nubi e danno luogo alle precipitazioni. È nella troposfera che l'aria contiene sempre una percentuale più o meno elevata di umidità ed è proprio questa umidità che provoca le precipitazioni.
Nella troposfera, la temperatura dell'aria decresce con la quota. Il ritmo di diminuzione dipende dalla latitudine e dalla stagione: al limite superiore della troposfera, la temperatura dell'aria è vicina a -55°.
Quando la temperatura al suolo è di circa 20°, il ritmo di discesa è di circa 6° per km. L'umidità dell'aria troposferica e la presenza di anidride carbonica non impediscono alla radiazione solare di arrivare al suolo. Il suolo, tuttavia, scaldato dal Sole, raggiunge una temperatura alta quale può perdere energia irraggiando radiazione infrarossa.
Questa radiazione viene assorbita da vapor d'acqua e anidride carbonica. Ecco perché l'energia del Sole, giunta al suolo, ha difficoftà a tornare nello spazio e così la Terra ne rimane scaldata. È ciò che si chiama "effetto-serra".

Scarica il documento sull'atmosfera in pdf